Autofobia: la psicologia dietro i giochi horror multiplayer [Anzeige]

Isolamento, esclusione, insignificanza: la paura di essere soli o addirittura dimenticati scorre nel profondo del DNA umano. I giochi horror multiplayer possono attingere a questa paura primordiale.

Dead by Daylight è estremamente popolare e ora ha ricevuto oltre 20 espansioni, inclusi franchise famosi come Halloween e SAW.

I giochi horror si giocano meglio da soli, giusto? Quando si tratta dei successi della caccia all’assassino di Dead by Daylight o della caccia ai fantasmi Phasmophobia, non è più così. Entrambi questi titoli horror multiplayer sono molto popolari e sono un fenomeno enorme, soprattutto su Twitch.

Con Dead by Daylight, il successo si nota principalmente attraverso la licenza in corso di famosi franchise horror e ha recentemente ricevuto una certa crescita dall’universo di Silent Hill. I due giochi non sono soli: Monstrum 2 manda un gruppo di giocatori in un’imbarazzante fortezza, dove vengono inseguiti da un mostro. La casa delle bambole dell’orrore del film noir ti porta in un labirinto criptico, dove fino a 8 persone sono esposte a inquietanti bambole assassine. L’antologia di Dark Pictures ti consente persino di provare film horror interattivi su The Coop. Ci sono anche sparatutto di zombi come Left 4 Dead o World War Z. Anche Resident Evil ha avuto numerosi esperimenti multiplayer, come le due sparatorie di Outbreak su Playstation 2 o, più recentemente, Resistance, che è stato incluso nel remake di Resident Evil 3. L’horror multiplayer è non più un fenomeno marginale.

Esperienza borderline di autoisolamento

Coloro che hanno apprezzato film come Paranormal Activity si divertiranno con Phasmophobia. Fa uso di molti noti dispositivi stilistici di caccia ai fantasmi.

Allora perché questi giochi risuonano con così tante persone? Il motivo è semplice: le persone sono esseri sociali. Non c’è niente da dire contro un tranquillo weekend in casa da soli o uno stile di vita più distante, ma di tanto in tanto è necessario interagire con altre persone.

Anche le persone introverse devono ammettere che la pandemia del 2020 può portare a un distinto senso di solitudine. Soprattutto durante il blocco primaverile, molti hanno notato che si stavano perdendo incontri personali. Ciò ha portato a un leggero grado di autofobia in alcune persone. Descrive la paura patologica di essere soli, che porta ad essere esclusi dalla società o dimenticati. E se muore nel suo appartamento e nessuno se ne accorge? E se perdesse il suo ruolo nella società? All’improvviso nessuno ha più bisogno di te. Nessuno pensa a te. Sei solo con te stesso e i tuoi pensieri girano. Alcune persone hanno sentito questo quando hanno lavorato solo per poco tempo o hanno perso del tutto il lavoro.

Leggi  Giochi come Phantasy Star Online 2 (PSO2) se stai cercando qualcosa di simile

I combattenti solitari hanno difficoltà

Dollhouse utilizza l’estetica del film noir e lancia fino a 8 giocatori in un labirinto pieno di bambole assassine.

Dopo questa esperienza di lockdown, sarebbe dovuto diventare più comprensibile che molti film horror si occupino proprio di questo aspetto: la paura di perdere un gruppo sociale a cui si sente di appartenere. Il risultato può essere l’isolamento, che corrode la psiche e può portare a una percezione distorta dell’ambiente circostante. All’improvviso ti senti strano in un mondo con cui hai perso i contatti. Nonostante il gran numero di abitanti, questo è possibile anche in una grande città, come mostrato, ad esempio, nella serie horror di Hausen. L’azione si svolge in un edificio prefabbricato, dove gli appartamenti sono costruiti ravvicinati. Muri sottili separano i mondi dai loro occupanti. Vivono insieme, eppure i vicini possono essere dei perfetti estranei. Questo anonimato nel mezzo di una grande città è noto per la realtà, anche al di fuori di una pandemia. Se si comporta come gli altri insetti in un enorme formicaio, semplicemente non si noterà nel trambusto.

C’è un po’ di autofobia in ognuno di noi, perché per migliaia di anni le persone sono state in grado di sopravvivere principalmente attraverso la coesione di gruppo. Questo si vede ancora oggi in luoghi in cui le condizioni di vita sono difficili, ad esempio nelle calde steppe o nelle zone molto fredde del nord: nei piccoli villaggi o nelle tribù, ogni persona ha un ruolo che aiuta in qualche modo la comunità, soprattutto quando Alzati. Le risorse autoprodotte dipendono, ad esempio, dall’agricoltura.

Questo può certamente essere trasferito ai giochi, perché qui tutti assumono un ruolo associato ai compiti. Questo può coinvolgere anche abilità diverse, come si può vedere ad esempio in Predator: Hunting Grounds. Lì, i combattenti hanno diversi punti di forza e di debolezza che una squadra deve considerare strategicamente sul campo di battaglia.

Leggi  Hyper Scape – Quasi nessuno può raggiungere la torre nella lobby, è così facile

Dinamiche di gruppo come elemento ludico

Monstrum 2 si svolge in una specie di carcere di massima sicurezza, dove i prigionieri devono scappare da un mostro. Non andrai molto lontano senza una buona collaborazione.

Il gameplay dei giochi horror multiplayer è spesso basato sul sentimento di appartenenza a un gruppo. Se lavorano insieme in Dead by Daylight, ad esempio, possono distrarre efficacemente l’assassino e attivare più facilmente i generatori per uscire dal livello. I giocatori che aiutano altre vittime ottengono più punti. Parallelamente, l’assassino sta lavorando per demoralizzare il gruppo. Non solo spaventa gli avversari, ma può anche apparire in occasioni sfortunate. L’imprevedibilità dei giocatori umani conferisce anche all’intero concetto un sapore speciale.

Ad esempio, mentre puoi studiare l’IA e le sceneggiature della nemesi di Resident Evil 3, non sai mai cosa farà il killer controllato dagli umani in Dead by Daylight. Nella Phasmophobia, viene messa alla prova anche la coesione. Potete sentirvi al sicuro con quattro di voi che visitano un appartamento maledetto. Ma: alcuni fantasmi appaiono solo quando entri in una stanza da solo. In caso contrario, il compito principale di identificare il fenomeno paranormale è irrisolvibile. Poi il gioco ti costringe a lasciare il gruppo. Separarsi è una condanna a morte assoluta, se si segue l’antenato di tutti i cliché dei film horror!

La paura di perdere il controllo

In Phasmophobia puoi anche rimanere nel camion sicuro e guardare con le telecamere mentre i tuoi amici si guardano intorno nella casa infestata.

C’è una sorpresa speciale per i conigli particolarmente grandi e spaventati che lasciano che i loro amici li convincano a giocare con Phasmophobia: possono stare in un camion centrale (presumibilmente) sicuro davanti alla casa infestata e coordinare la squadra da lì. Per fare ciò, monitora principalmente le telecamere che la squadra in trasferta può impostare. Quella che inizialmente suona come l’alternativa snervante all’esplorazione di edifici bui, ma spesso si rivela l’esperienza forse peggiore: qui si assiste lentamente al panico del gruppo. Può riconoscere i pericoli prima dei suoi compagni giocatori, ma non può intervenire attivamente e, in un certo senso, è destinato a guardare. I fantasmi a volte guardano persino la telecamera come per dire: non puoi fare nulla e i tuoi amici moriranno!

Leggi  Genshin Impact: come ottenere un cuore perpetuo

Può essere un po’ noioso nel camion per molto tempo, ma questo momento in cui la perdita di controllo diventa evidente ti fa sentire ancora più solo. Preferirebbe anche stare con i suoi amici in casa, anche se si mette in pericolo e rischia il suo sudato equipaggiamento da caccia ai fantasmi.

paura al collo

A prima vista, l’horror multiplayer potrebbe non sembrare molto efficace. Dopotutto, molti giochi del genere prosperano su una buona storia, personaggi ben sviluppati e un’atmosfera forte che può essere sviluppata al meglio dal singolo giocatore. Ma la phasmaphobia in particolare mostra che il concetto è tutt’altro che esaurito. L’orrore multiplayer potrebbe non sembrare spaventoso agli estranei a causa delle animazioni grezze degli avatar controllati dagli umani, ma se giochi tu stesso, dimentichi questo fatto. A prima vista, questi giochi sono, ovviamente, per lo più divertenti, ma la leggera autofobia rimane una sensazione sottile e scomoda come un compagno costante sul collo.

Informazioni su Hausen: La nuova serie horror Hausen partirà su Sky il 29 ottobre. Tuttavia, all’inizio della serie, puoi già guardare il primo episodio per un breve periodo. Sulla pagina Hausen.TV, l’episodio 1 può essere visto gratuitamente fino a giovedì.

All’inizio della serie trasmetteremo anche il primo episodio in diretta insieme agli attori della serie su Twitch e Youtube. A “Watch Party from Home powered by Sky” il 29 ottobre, a partire dalle 20:00, puoi ascoltare dal regista Thomas Stuber e dal suo attore cosa è successo sul set di Hausen e apprendere alcune interessanti informazioni privilegiate su Hausen.

Hausen andrà in onda ogni giorno in doppi episodi su Sky Atlantic da giovedì 29 ottobre. Gli episodi possono anche essere trasmessi in streaming tramite Sky Ticket, Sky Go e Sky Q.

Torna su