Lo streamer di Twitch spiega come erano WoW e i giochi misogini

La streamer di Twitch Rumay “Hafu” Wang (29) è stata una giocatrice professionista in World of Warcraft più di 10 anni fa: nel 2007, l’ambiente per le donne era molto peggiore di oggi, dice. Sono successe molte cose e lei ne è grata.

Chi è Hafu? Hafu è un americano di origine cinese. È conosciuta ed è cresciuta come giocatrice e streamer di WoW e Hearthstone. Ha anche giocato un buon ruolo nel gioco di strategia Teamfight Tactics.

È un pioniere per le donne nei giochi, nello streaming e negli eSport.

Hafu ha sempre lottato con il fatto che in qualche modo gli streamer maschili di Twitch non l’hanno presa del tutto come una “ragazza” e le hanno sorriso. Da anni lotta per il riconoscimento: il sessismo nei videogiochi è un grosso problema per lei.

Contenuti editoriali consigliati A questo punto, troverai contenuti esterni di Twitch che integrano l’articolo Mostra contenuti di Twitch Acconsento alla visualizzazione di contenuti esterni. I dati personali possono essere trasmessi a piattaforme di terze parti. Leggi di più sulla nostra politica sulla privacy.

Collegamento al contenuto di Twitch .embed-twitch .embed-privacy-logo {background-image: url ( ? v = 1598861724); }

Nel 2019, una volta ha detto quanto la infastidisca che gli streamer maschi, anche se chiaramente peggiori di lei, siano elogiati per il loro gioco intelligente e le loro abilità, mentre ha detto che ha avuto successo solo perché era una ragazza. è. Deve essere stato venduto lì. Non ha mai ricevuto riconoscimenti per i suoi successi.

Quando le statistiche ufficiali di Riot Games hanno chiarito che Hafu era la migliore giocatrice in una fase di test in Teamfight Tactics, si è commossa fino alle lacrime perché ora è diventato chiaro cosa sa e cosa molti dubitano: è reale. un buon giocatore.

Leggi  Genshin Impact: ottieni questa corona finché puoi; altrimenti te ne pentirai

A quel tempo, ha detto che era “piuttosto difficile per le ragazze ottenere rispetto, nei giochi e in generale”.

La squadra di WoW si chiamava “Stupro Hafu alle regionali”

Ecco cosa dice ora: In una trasmissione, Hafu parla di com’era il gioco per una donna intorno al 2007. All’epoca aveva 17 anni ed era una giocatrice professionista di WoW. Dice che c’era una squadra qualificata nel regno ufficiale del torneo Blizzard con un nome fantastico.

La squadra si chiamava “Gonne Rape Hafu alle regionali”, che significa “stupriamo Hafu alle regionali”.

La parola drastica “stupro” è usata qui come “parola normale” nel senso di “finire”.

Contenuti editoriali consigliati A questo punto, troverai contenuti esterni di Twitch che integrano l’articolo Mostra contenuti di Twitch Acconsento alla visualizzazione di contenuti esterni. I dati personali possono essere trasmessi a piattaforme di terze parti. Leggi di più sulla nostra politica sulla privacy.

Collegamento al contenuto di Twitch .embed-twitch .embed-privacy-logo {background-image: url ( ? v = 1598861724); }

Hafu dice:

“E se la sono cavata! Si sono qualificati. Quella era la mentalità eterna nei giochi dell’epoca: l’intera comunità aveva questa mentalità e molte cose sono cambiate negli ultimi 10 anni”.

Hafu

Ciò che infastidiva Hafu non era che una squadra si chiamasse così, ma che ovviamente andava bene per tutti.

Hafu ora afferma che l’atteggiamento nei confronti delle donne nei giochi è cambiato in modo significativo e spera che continuerà a farlo in futuro.

Leggi  Genshin Impact: come ottenere resina fragile

C’è un cambiamento dentro e intorno ai giochi.

Ecco dietro: In effetti, molte società di giochi hanno riconsiderato negli ultimi 10 anni. Apparentemente, le donne nei videogiochi erano precedentemente trattate come “accessori decorativi” o avevano un ruolo speciale che impediva loro di essere considerate complete. Il gruppo target erano chiaramente i giovani.

Questo cambiamento nella percezione delle donne e la critica al punto di vista precedente si riflette in molti casi anche nella percezione pubblica:

  • Le aziende che si dice abbiano avuto una “cultura macho macho” sono state colpite da violente tempeste di merda. Soprattutto Riot Games (LoL) e più recentemente Ubisoft
  • Le dichiarazioni sessiste sono perseguite e punite su Twitch, soprattutto negli ultimi mesi c’è stato un vero e proprio movimento simile a #MeToo nel settore cinematografico.
  • Anche nei giochi stessi, la rappresentazione delle donne è cambiata notevolmente. Gli studi sono ora pubblicamente criticati per aver ritratto le donne come “eccessivamente sessualizzate”.

Qualcuno come Hafu, che è nel settore da anni e lotta con l’immagine delle donne, vede chiaramente questo cambiamento. E lei sembra essere felice.

In Blizzard, le donne sono cambiate nei giochi.

In Blizzard, il cambiamento nelle donne è più evidente in Overwatch (2016). Rispetto ai precedenti titoli Blizzard, le donne qui sono più diverse e meno sessualizzate.

Chris Metzen dice che sua figlia una volta gli ha chiesto in un film di WoW: “Papà, perché sono tutti in costume da bagno?” Non aveva risposta.

Probabilmente è stato un momento cruciale per Blizzard e gli sviluppatori lì. Overwatch ha quindi deciso di ritrarre le donne in modo diverso rispetto agli anni precedenti:

Leggi  6 impostazioni che devi attivare in LoL Wild Rift

Blizzard non vuole sessualizzare così tanto le eroine

Torna su