Call of Duty: il prossimo grande venditore di cheat si arrende: Activision è troppo potente

Activision continua a prendere una linea dura contro i fornitori di cheat per titoli CoD come Call of Duty: Modern Warfare o Warzone. Dopo una minaccia da parte dell’editore, il prossimo grande venditore si arrende.

Prossimo successo nella lotta contro i fornitori di cheat: Nell’attuale CoD MW e Warzone Stagione 5, imbroglioni e hacker sono un problema fastidioso, specialmente su PC.

Tuttavia, l’editore e gli sviluppatori di Activision continuano a lavorare sodo per controllare il più possibile questo problema. Questo è mostrato anche nell’ultimo esempio di un ottimo sito di cheat provider. Dopo una minaccia di Activision e la visita di un investigatore privato, la società ha smesso di vendere trucchi per i giochi della serie “Call of Duty”.

Poche settimane fa un altro grande venditore di cheat ha cessato l’attività dopo essere stato citato in giudizio da Activision: Activision ha citato in giudizio un grande venditore di cheat per CoD: scusa

Riguarda questo venditore di cheat: Il sito Web GatorCheats offre cheat e software cheat per vari giochi online come GTA Online, Valorant o, fino a poco tempo fa, Modern Warfare e Warzone. GatorCheats è stato uno dei maggiori fornitori, in particolare per i giochi CoD.

Gli imbroglioni sono un grosso problema in CoD Warzone.

“Non posso permettermi procedimenti legali con questa società”

In un post sul proprio server Discord, GatorCheats ha ora commentato pubblicamente la questione e spiega come è andato il confronto con Activision. Cosa c’è di interessante in questo: a quanto pare, era sufficiente un avvertimento formulato in modo chiaro: non c’era un procedimento legale.

Leggi  Genshin Impact: come completare la sfida Wolf of the North

Questo è quello che è successo a GatorCheats: Già a maggio 2020 c’era un avviso per GatorCheats da parte degli avvocati di Activision Blizzard. Lì al sito è stato chiesto di interrompere la produzione e la distribuzione di trucchi e hack per i prodotti “Call of Duty”. GatorCheats inizialmente non soddisfaceva completamente questo requisito, quindi a settembre 2020 c’è stato un altro tiro con l’arco.

Questa volta Activision apparentemente ha dato maggiore enfasi alla sua affermazione e ha consegnato il secondo avvertimento da un investigatore privato. Ti sei presentato presso il luogo di residenza del proprietario del sito web, hai consegnato la lettera e, a quanto pare, hai chiarito che sai quasi tutto del proprietario e delle sue attività, compresa tutta la sua famiglia.

La comunicazione con Activision è continuata e l’editore ha minacciato un’altra causa se GatorCheats non avesse interrotto tutte le vendite e il supporto per tutti i prodotti Activision Blizzard.

Ecco la dichiarazione completa (Fonte: CharlieIntel)

Questo è ciò che GatorCheats ha da dire sull’argomento: I solleciti con la minaccia di procedimenti legali avrebbero convinto il proprietario. Ha pubblicato la dichiarazione sul suo server Discord e ora ha annunciato pubblicamente che non avrebbe mai più progettato, testato o aggiornato un hack per un gioco Activision Blizzard. La vendita è già completamente interrotta.

E per quanto ami i suoi clienti, ama di più la sua famiglia, afferma il proprietario di GatorCheats. Non poteva permettersi di trattare con questa società in tribunale ed era responsabile della sua famiglia.

Come sta il cheat provider ora? GatorCheats non vuole ancora arrendersi completamente. Sebbene Call of Duty sia ormai finito, nel prossimo futuro a quanto pare vuole passare ad altre opzioni, afferma la dichiarazione. Il sito stesso è ancora attivo e funzionante e offre ancora trucchi per altri giochi.

Leggi  FIFA 20: come disattivare l'audio

Cosa ne pensi della linea dura di Activision? Lo avresti desiderato molto prima? O questa procedura non è ancora abbastanza difficile ai tuoi occhi? A proposito, nel caso ti stia chiedendo come continueranno CoD Modern Warfare e Warzone dopo la Stagione 5: CoD MW, Warzone Stagione 6: C’è una nuova stagione? sappiamo finora

Torna su